background 2

SUI SENTIERI DEGLI EZZELINI

Lungo il Muson e il Lastego

Il progetto turistico Sui Sentieri degli Ezzelini mira a valorizzare gli aspetti ambientali che hanno come rotta l’Astego, il Muson dei Sassi e il Musonello, torrenti che scendono dall’asolano a Castelfranco Veneto per proseguire, incrociando la Tergola, alla volta di Resana, Camposampiero e Padova. Asse portante è la pista ciclopedonale divisibile in due tratte che permette di percorrere oltre 40 chilometri di strada parzialmente sterrata da Padova a Riese, nonché di visitare cittadine ricche di storia, arte e riferimenti religiosi.

La tratta di ciclabile a nord di Castelfranco Veneto ha come riferimento Castello di Godego, in particolare il parco dello splendido oratorio di San Pietro. Il sentiero prende il nome dalla famiglia medievale degli Ezzelini, che proprio a Godego s’insediò tra varie diatribe con i cugini Camposampiero, per poi stabilirsi definitivamente in quel di San Zenone con centro operativo a Bassano del Grappa, senza dimenticare i domini gravitanti al Castello di Onara, che motivarono la costruzione di piazzeforti quali Castelfranco Veneto da parte dei trevigiani e Cittadella ad opera dei Padovani.

Lungo il Muson e il Lastego

L’Itinerario turistico Sui Sentieri degli Ezzelini lungo il Muson e il Lastego raggiunge  complessivamente i 40 km di lunghezza. Il primo stralcio è stato inaugurato il 19 maggio del 2012 e si sviluppa prevalentemente lungo il torrente Muson, per alcuni tratti anche lungo il Musonello, nei Comuni di Riese Pio X, Loria, Castello di Godego, Castelfranco Veneto e Resana per una lunghezza di Km 19,100.

 

Il secondo stralcio, inaugurato il 21 giugno 2015, si sviluppa nei Comuni di Crespano del Grappa, Paderno del Grappa, Fonte e Asolo per una lunghezza di Km 20,250. Un primo tratto segue l’asta del Muson da località Spineda in comune di Riese Pio X fino all’Antico Maglio in località Pagnano d’Asolo da cui è possibile raggiungere a piedi, dopo circa due chilometri, località Casonetto in comune di Asolo. Il secondo percorso si dirama dal primo in corrispondenza di ponte Scremin, località Pagnano d’Asolo, lambisce la zona orientale del centro di Onè di Fonte, attraversa Fonte Alto, seguendo poi il corso del torrente Lastego nella valle dei mulini.