Sacello in valle San Liberale

PADERNO DEL GRAPPA

logo Paderno del Grappa

“Paderno del Grappa, storia delle comunità di Fietta e Paderno” di Gabriele Ferronato, è il libro di storia edito dal Comune nel 1999, volume dove si raccontano le vicende di un territorio che ha radici molto remote. Di epoca romana è la lapide di Lucio Rago-gnio e nel medioevo le antiche comunità sono cinque: Coi di Paderno, Farra, Fietta, Canil e San Paolo del Lastego, come risulta nel 1314. Nel corso del secolo XV, in seguito a variazioni, i comuni sono due: Coi di Paderno e Fietta, che dal 1339 fino al 1797 rimangono parte della Serenissima, inquadrati nella podesteria di Asolo e provincia di Treviso. Nel 1806 vengono deliberati dal capo della provincia i due comuni: Fietta e Paderno. Nel 1808 Fietta è staccata da Paderno e aggregata a Crespano, mentre Paderno è soppresso come comune e unito prima a Castelcucco e nel 1810 a Possagno. Paderno ridiventa comune autonomo nel 1816 e nel 1819 Fietta è nuovamente riunito. Il Sentiero degli Ezzelini prende avvio nella valle di San Vitale e Liberale, ove nel pieno Medioevo c’era il piccolo monastero di San Vial del Lastego. Da qui ha origine il Lastego, un torrente impetuoso che si è fatto strada nella grande conoide di deiezione. La parte meridionale del Comune è segnata dall’antica strada romana della Piovega. Lungo la sponda del Lastego c’è il borgo della Cencia e poi si scende verso Fonte sino ai Lasteghi. Sui colli delle Motte è possibile rintracciare le rovine del castello di Colli Muson. Villa Fietta antico edificio, risalente alla prima metà del 1500, appartenne alla famiglia Fietta. Poco distante la complessa struttura degli Istituti Filippin: un apprez-zato Centro Studi, ora gestito dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Alla Madonna Annunciata è dedicata l’attuale Parrocchiale. Nella piazza si innalza il campanile, tutto in pietra viva, eretto su disegno dell’architetto veneziano Giorgio Massari. In faccia a Paderno c’è il Monte Grappa con tutta la sua storia e il ricordo della grande guerra del 1915-18.

• Piazza Madonnina del Grappa, 1 – 31017

• Tel. 0423 5393 – www.comune.paderno.tv.it

• Altitudine: 292 m s.l.m.

• Superficie: 19,53 km.

• Abitanti: 2.200

• Frazioni: Fietta

• Gemellato con Mallersdorf-Pfaffenberg (Germania)

SCARICA LA MAPPA

COSA VEDERE

Percorso vita nella Val Secca vicino al Municipio e alla Chiesa Parrocchiale.


Buss de Refoss, profonda spaccatura verticale che accoglie la sorgente del torrente Lastego, che si raggiunge prendendo il sentiero n.151 da San Liberale e risale tra i boschi la valle omonima.


Monte Boccaor-Trincea della Grande Guerra. Parte dal Pian dea Baea ed arriva sul sentiero 126.


Galleria costruita durante la Grande Guerra 15-18. Valle di San Liberale, ai piedi del Grappa. Valle di San Liberale. Sacello dedicato a San Vitale e San Liberale.